“Soul of the sea”: le anime dei migranti nei volti dipinti da Eron

Le “anime” di Eron sono sempre profonde e riflessive: l‘artista trasforma la vernice spruzzata dallo spray in magia e con essa ricama pezzi di storia e attualità. Vi avevamo fatto vedere il volto di Anna Frank sul vagone di un treno dismesso o un’opera realizzata sulla parete dell’ex caserma militare di Arezzo e sulla stessa […]

Continua a leggere "“Soul of the sea”: le anime dei migranti nei volti dipinti da Eron"

C’era una volta Fukushima

Sono passati 5 anni dall’11 marzo 2011, quando il Giappone fu devastato da un violento terremoto a cui fece seguito uno spaventoso tsunami. Tra numerose vittime, sfollati e crolli, vennero danneggiati anche i sistemi di sicurezza e di raffreddamento dell’impianto nucleare di Fukushima Dai-ichi. La Tepco, la società che gestisce il reattore, dopo alcuni giorni […]

Continua a leggere "C’era una volta Fukushima"

Un po’ di grigio per scacciare cornici dorate e hashtag che ingabbiano la street art

Immaginate un’opera realizzata in strada, staccata dal muro e messa in una cornice all’interno di una galleria, sotto l’occhio di presunti fini disquisitori col papillon, tra hashtag e foto fatte girare sui vari social network. E’ una visione carica di immagini, è grottesca, ma per quanto possa sembrare irrealistica, denuncia una blasfemia che pian piano […]

Continua a leggere "Un po’ di grigio per scacciare cornici dorate e hashtag che ingabbiano la street art"

Kurt Landauer, il presidente ebreo che ha creato il Bayern Monaco vincente

Nella piazzetta antistante alla mastodontica e moderna Allianz Arena, a Monaco di Baviera, c’è una targa con il volto di un uomo in bassorilievo e sull’epigrafe bronzea si legge: “Kurt Landauer – Der Präsident des Bayern München”. In verità, la scritta in tedesco è accompagnata da una frase tradotta anche in ebraico e la stessa […]

Continua a leggere "Kurt Landauer, il presidente ebreo che ha creato il Bayern Monaco vincente"

L’avventurosa storia della piccola Bayan che NON è nata a Idomeni

E’ un’immagine che è stata innalzata a simbolo della vita che scorre sempre e comunque anche nel fango, nelle pozzanghere e nel freddo dell’accampamento profughi di Idomeni, in Grecia, al confine con la Macedonia. I vari giornali hanno chiamato il neonato Bayan, altri Bayane, alcuni han pensato fosse un maschietto nato tra una tenda e […]

Continua a leggere "L’avventurosa storia della piccola Bayan che NON è nata a Idomeni"

Nel ricordo di Khaled al-Asaad, difensore della cultura, ucciso dall’Isis

«Talvolta fare un passo avanti è non indietreggiare»: è la scritta che accompagna il murales dedicato alla memoria di Khaled al-Asaad, l’82enne siriano direttore del sito archeologico di Palmira ucciso, il 18 agosto 2015, dall’Isis. Decapitato perché si è rifiutato di indicare ai jihadisti dello Stato Islamico i luoghi in cui sono stati nascosti importanti […]

Continua a leggere "Nel ricordo di Khaled al-Asaad, difensore della cultura, ucciso dall’Isis"

L’installazione di Ai Weiwei, a Berlino, con i giubbotti dei migranti

Più di 14mila giubbotti di salvataggio sono stati appesi attorno alle colonne della Konzerthaus di Berlino che domina l’affascinante piazza Gendarmenmarkt assieme alla chiese gemelle del Deutscher Dom e Französischer Dom. Sono i giubbotti utilizzati dai migranti giunti sulle coste dell’isola di Lesbo e salpati, principalmente, dalla Turchia. L’installazione, apparsa durante la settimana della Berlinale, il […]

Continua a leggere "L’installazione di Ai Weiwei, a Berlino, con i giubbotti dei migranti"