C’era una volta Fukushima

Sono passati 5 anni dall’11 marzo 2011, quando il Giappone fu devastato da un violento terremoto a cui fece seguito uno spaventoso tsunami. Tra numerose vittime, sfollati e crolli, vennero danneggiati anche i sistemi di sicurezza e di raffreddamento dell’impianto nucleare di Fukushima Dai-ichi. La Tepco, la società che gestisce il reattore, dopo alcuni giorni […]

Continua a leggere "C’era una volta Fukushima"

L’avventurosa storia della piccola Bayan che NON è nata a Idomeni

E’ un’immagine che è stata innalzata a simbolo della vita che scorre sempre e comunque anche nel fango, nelle pozzanghere e nel freddo dell’accampamento profughi di Idomeni, in Grecia, al confine con la Macedonia. I vari giornali hanno chiamato il neonato Bayan, altri Bayane, alcuni han pensato fosse un maschietto nato tra una tenda e […]

Continua a leggere "L’avventurosa storia della piccola Bayan che NON è nata a Idomeni"

L’installazione di Ai Weiwei, a Berlino, con i giubbotti dei migranti

Più di 14mila giubbotti di salvataggio sono stati appesi attorno alle colonne della Konzerthaus di Berlino che domina l’affascinante piazza Gendarmenmarkt assieme alla chiese gemelle del Deutscher Dom e Französischer Dom. Sono i giubbotti utilizzati dai migranti giunti sulle coste dell’isola di Lesbo e salpati, principalmente, dalla Turchia. L’installazione, apparsa durante la settimana della Berlinale, il […]

Continua a leggere "L’installazione di Ai Weiwei, a Berlino, con i giubbotti dei migranti"

Le pietre d’inciampo a Padova

Chi è stato in Germania avrà notato, incastonate lungo alcune strade, delle piastre d’ottone con su scritto dei nomi e dei numeri. Alcune volte sono isolate, altre, invece, se ne vedono raggruppate. Si chiamano Stolpersteine, più comunemente note in Italia come “pietre d’inciampo”, e sono delle targhe per ricordare gli ebrei deportati e uccisi durante […]

Continua a leggere "Le pietre d’inciampo a Padova"

L’albero di Natale realizzato coi giubbotti di salvataggio dei rifugiati

Un albero di Natale realizzato con i giubbotti di salvataggio lasciati lì dai rifugiati sulla costa dell’isola di Lesbo. Realizzato da alcuni soccorritori del posto, l’albero è un messaggio di speranza avvolto nello spirito natalizio così come speranza è il sentimento di coloro che indossano il giubbotto e affrontano un viaggio oscuro senza certezze che dalla […]

Continua a leggere "L’albero di Natale realizzato coi giubbotti di salvataggio dei rifugiati"

Brandalism a Parigi: false pubblicità per smascherare le contraddizioni sul clima

Potete leggere l’articolo anche su Artribune e sul numero di dicembre della rivista Are you Art? Nei giorni scorsi a Parigi si è svolta la COP21, la conferenza sul clima organizzata dalle Nazioni Unite. Dal 30 novembre fino all’11 dicembre, il vertice è stata l’occasione, per i leader mondiali, di discutere sul primo accordo storico […]

Continua a leggere "Brandalism a Parigi: false pubblicità per smascherare le contraddizioni sul clima"

Il sole di Greenpeace attorno all’Arco di Trionfo

Un grande sole di vernice gialla ecologica a base d’acqua ha avvolto l’Arco di Trionfo, a Parigi, nei giorni conclusivi della conferenza mondiale sul clima. Proprio nella capitale francese, infatti, si è svolta la COP21, un vertice organizzato dalle Nazioni Unite e che ha visto la partecipazione di 195 paesi con l’intento di siglare un accordo storico per […]

Continua a leggere "Il sole di Greenpeace attorno all’Arco di Trionfo"