Il “coraggio civile” della giovane Tugce

Tre anni di carcere per l’uccisore di Tugce Albayrak, la giovane ragazza, di origini turche, colpita a morte lo scorso 15 novembre ad Offenbach, non lontano da Francoforte, per aver difeso due ragazzine molestate da un gruppo di ragazzi in un fastfood. La corte di Darmstadt ha condannato Sanel Masovic, diciottenne serbo, colpevole di aver inflitto a Tugce ferite mortali. L’accusa, in realtà, chiedeva tre anni e tre mesi di carcere, la difesa, invece, la sospensione della pena. 

La storia dell’angelo del McDonald’s, com’è stata soprannominata la ragazza, ha profondamente scosso la Germania: dopo esser stata colpita con un pugno alla testa, la ragazza entrò in coma per due settimane. Poi alla vigilia del suo 23esimo compleanno, i genitori, dopo che i medici avevano dichiarato la morte celebrale, acconsentirono a spegnere le macchine che la tenevano in vita. Indignazione, proteste, ma anche tanti gesti d’affetto, alcuni provenienti dal mondo del calcio. Haris Seferović, attaccante dell’Eintracht Frankfurt, dopo aver segnato la rete del 2-0 contro il Borussia Dortmund, correndo verso la bandierina per esultare, alzò la maglia a strisce rosse e nere per mostrare un messaggio che tutti dovevano vedere. “Tugce = Zivilcourage + Engel + Mut + Respekt”. Coraggio civile, angelo, eroismo, rispetto. Quattro parole scritte con un pennarello, una toccante dedica che il giocatore svizzero volle condividere con chi era presente allo stadio e con chi vide la partita in tv. Un messaggio positivo per formare le coscienze: «Sono convinto che le buone persone, in un’altra vita, diventino angeli. Ci proteggono quando abbiamo bisogno di aiuto. Ed è bello che ci siano loro», disse Seferović al termine del match.

Agli occhi di Seferović, Tugce ha insegnato qualcosa: «Penso che il rispetto sia il sentimento più importante nella vita di ogni individuo. Se si mostra rispetto verso gli altri, allora noi riceviamo lo stesso. Di conseguenza, tutto sarebbe tranquillo». Ma quello di Haris Seferović non è stato un gesto isolato: la squadra turca del Fenerbahçe pubblicò una foto di alcuni giocatori con in mano immagini e messaggi per Tugce, mentre sempre in Germania anche la squadra della città della ragazza, il Kickers Offenbach, che milita nella Regionalliga Südwest, ha voluto dare un segnale forte di sensibilizzazione. Infatti, in un video, i giocatori, l’allenatore il suo vice, nelle loro rispettive lingue, affermano in modo perentorio: «Mostra coraggio civile. Non distogliere lo sguardo. Fai attenzione!».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...