Abbiamo raggiunto (e già superato) 1 miliardo di siti web!

Scrivere questo post rischia di essere un inseguimento senza fine e senza scopo: mentre pigio tasti sulla tastiera, il numero dei siti web starà crescendo vertiginosamente. Ma iniziamo col porre un primo traguardo: in queste ore, è stato superato il miliardo di siti creati nel mondo. Il record è stato annunciato da Internet Live Stats e vi invito ad andarci ora (qui) per vedere l’impressionante escalation. Aggiornamento: siamo arrivati a 1,062,832,600 siti creati.
Ma facciamo un passo indietro. Vien naturale domandarsi: e qual è stato il primo sito creato? L’onore di rappresentare il brodo primordiale della ragnatela (lo so è brutto da sentire, ma avevo bisogno di un sinonimo di web) va al britannico Tim Berners-Lee, che il 6 agosto 1991 ha fondato il “World Wide Web”. Due anni prima, il 12 marzo 1989, mise nero su bianco al Cern, un documento sulla sua idea di rete. Lo scorso marzo è stato celebrato il 25esimo anniversario di questa intuizione, che ha radicalmente cambiato il nostro modo di vivere e comunicare. Aggiornamento Atto II: i siti, fino a questo istante creati sono 1,062,835,100.
 
Sir Berners-Lee ha accolto con gioia la notizia del miliardo di siti creati, con un tweet. Eccolo:
 
 
Altro dato: ci sono voluti sei anni per raggiungere quota 1 milione: era il 1997. Poi, il vero e proprio boom è stato registrato nel 2012 quando il numero di siti web è passato dai 346 mln del 2011 a 697 mln. 
Sì bene, ma quanti sono gli internauti che ogni giorno digitano, commentano, pubblicano, postano, twittano, condividono etc.!? Siamo taaaantissimi e stiamo per toccare quota 3 miliardi di utenti. Che se ci basiamo sulla stima attuale della popolazione totale ( intorno ai 7 miliardi e 260 milioni di persone), siamo molto vicini al 40%. (Psst: nel 1995, era meno dell’ 1%) E mi verrebbe da stringere la mano e conoscere il fortunato (tre)miliardesimo! 
Ah giusto per ricordarvelo: il sito di Yahoo è stato lanciato nel 1994. Amazon nel 1995, Google nel 1998, Wikipedia nel 2001 e Youtube “solo” nel 2005.
 
3e0eb-statistica2bitalia
E in Italia? Il nostro Paese si colloca al 17esimo posto: si stimano 36,593,969 utenti su una popolazione totale di 61,070,224 abitanti. Insomma, quasi il 60% dei nostri connazionali smanetta sul grande buco nero che è la rete.
 
Alexa, che è un’azienda sussidiaria di Amazon e addetta al calcolo dei traffici internet, ci dice anche su quali siti. Podio abbastanza scontato con Google.it che si piazza al primo posto, seguito da Facebook e da Google.com. Il primo sito di informazione è Repubblica (settima posizione), mentre Pornhub, udite udite, è solo 42esimo!

 

Ah, dimenticavo. Un’ultima curiosità e poi la smetto: abbiamo toccato quota 1,062,861,900 siti creati! (chiaramente dato vecchissimo quando lo leggerete)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...