L’ospedale prende vita con i colori del writer Bros e dei ragazzi dell’istituto Int di Milano

MILANO – Pennelli e secchi di vernice per colorare l’ospedale. Con un murales realizzato insieme al writer italiano Daniele Nicolosi, in arte Bros, i ragazzi in cura all’Istituto nazionale tumori (Int) di Milano accendono i riflettori sul problema delle cure oncologiche per gli adolescenti, «che hanno spesso difficoltà di accesso ai centri di eccellenza e ai protocolli clinici e quindi hanno più difficoltà a guarire rispetto ai bimbi e agli adulti», si legge in una nota sul progetto. I ragazzi hanno espresso la loro creatività in un’opera sul terrazzo dell’Irccs di via Venezian: «Una forma non ben definita – spiega Bros – che vogliamo includere o escludere dalla nostra vita». Intorno a questa macchia nera un’esplosione di colori. E la vita, fatta di immagini e segni a grande impatto visivo ed emotivo. «Attraverso la pittura e altre tecniche stiamo dando una connotazione differente a un luogo destinato ai ragazzi», continua Bros. Sono ragazzi, spiega il writer Bros, che «lavorano per se stessi ma anche per le persone che verranno dopo di loro, per lasciare qualcosa di bello a chi dovrà affrontare un percorso difficile»

f34fb-bros2
L’iniziativa, sostenuta dalla Fondazione Magica Cleme con l’associazione Bianca Garavaglia, nell’ambito del progetto giovani dell’Int, si ricollega ai progetti firmati B.Live. I giovani pazienti, proprio nel reparto dove normalmente ricevono le cure oncologiche, hanno creato prima una collezione di moda con questo marchio (sotto la guida della stilista Gentucca Bini) e la canzone ‘Nuvole di ossigeno’, composta ed eseguita dai ragazzi insieme a Faso, bassista di Elio e le Storie Tese e Paola Folli, vocalist del gruppo e vocal coach di XFactor. Occasioni, sottolinea Andrea Ferrari, responsabile del Progetto Giovani dell’Int, in cui si vedono i ragazzi «esprimere la loro forza attraverso l’arte. Troviamo paure, speranze, coraggio ma anche la normalità di adolescenti che vogliono vivere la vita come i loro coetanei».

























(testo AdnKronos)
(foto Quotidiano.net)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...