Medimex 2013: Le idee, le persone

INDICE 
 
 
 
Musica contro le mafie è un progetto che nasce in Calabria con l’idea di fondo di unire artisti italiani in una unica voce a sostegno della legalità. L’iniziativa è inizialmente nata come contest per giovani musicisti o emergenti che trattano il tema della lotta contro la criminalità nelle loro canzoni. Dopodiché il progetto è diventato anche un libro/cd, a cura di Gennaro de Rosa e Marco Ambrosi, edito da Rubbettino e MkRecords e ha visto la partecipazione e il sostegno di tanti tra i più importanti artisti italiani appartenenti al mondo della musica e di alcune delle personalità più significative nel campo della lotta contro le mafie. Il libro, infatti, contiene interventi di artisti e musicisti che hanno raccontato la loro idea di mafia. Il cd, invece, contiene i brani che hanno partecipato ai contest di questi anni. Come normale evoluzione di questo cammino, è nato il documentario “Musica contro le mafie – L’alternativa”, prodotto da MkRecords e diretto dal regista Claudio Metallo. Oltre alla presenza di numerosi artisti, il documentario racconta anche storie di chi si è opposto alla mafia. Come la storia di Peppino Impastato, non solo quella del militante politico ma anche quella di organizzatore di concerti ed eventi, di espressione di antimafia sociale. 
 
Link di riferimento:
 

 

 

 

 
Rec’n’Play è un progetto di formazione sia cinematografica che musicale e si articola attraverso un laboratorio di scrittura, produzione, grammatica e sintassi cinematografica finalizzato alla produzione di un videoclip musicale di una band emergente individuata attraverso un concorso musicale appositamente organizzato dal gruppo di lavoro di studenti ed esperti. Giunto alla terza edizione, il progetto nasce dalla volontà della realtà produttiva cinematografica barese Zerottanta di proseguire un percorso formativo già avviato nel tempo con il Liceo Arcangelo Scacchi di Bari e che ha consentito di conseguire rilevanti riscontri a livello nazionale e internazionale. Ogni anno viene indetto un bando rivolto a band emergenti composte prevalentemente da studenti di scuola superiore. Nel 2013 il bando è stato aperto alle scuole della Provincia di Bari e BAT. 
Nei sei mesi di durata del progetto, si svolgono in parallelo le attività musicali e cinematografiche previste. Mentre si organizzano le serate live e le selezioni delle band, i ragazzi del laboratorio seguono i corsi che porteranno alla realizzazione del videoclip finale, alla quale parteciperanno in qualità di stagisti al fianco di professionisti del settore: il regista Ermes Di Salvia, direttori della fotografia, scenografi, truccatori, organizzatori, macchinisti ed elettricisti. Il confronto tra studenti e professionisti è fondamentale: i ragazzi hanno modo di vivere l’esperienza su un set vero e proprio, munito di attrezzature professionali, cui portare il proprio contributo all’interno dei singoli reparti operativi in cui scelgono autonomamente di collocarsi sulla base dei propri talenti e della propria curiosità. 
Rec’n’Play è, e vuole essere, rete tra scuole, occasione di dialogo tra diverse generazioni (studenti, genitori, professori, esperti esterni), tavoli di lavoro animati in cui impegnarsi per un evento degli studenti e per gli studenti, operando in classe, nei laboratori di informatica, da casa, su un apposito profilo Facebook, alla ricerca di idee, di pubblico, di nuove band, di canali di informazione, di modi innovativi.
 
Link di riferimento:
 
 logo-made-in-carcere
Il marchio Made in Carcere nasce nel 2007 grazie a Luciana Delle Donne, fondatrice di Officina Creativa ed ex dirigente di banca che ha deciso di lasciare il mondo della finanza per occuparsi di innovazione sociale. Ha deciso di rientrare in Puglia per occuparsi di situazioni di disagio. L’idea è stata quella di formare delle detenute nel carcere di Lecce e di Trani, recuperando dei tessuti, scarti e rimanenze di magazzino. Si industrializza, così, un piccolo processo di realizzazione di borse e accessori. Lo scopo principale di Made in Carcere è diffondere la filosofia della “seconda opportunità” per le detenute e della “doppia vita” per i tessuti. Un messaggio di speranza, di concretezza e solidarietà, ma anche di libertà e rispetto per l’ambiente. Il progetto si sta evolvendo in altre carceri grazie alla collaborazione Sigillo, che già lavora per l’inserimento di detenuti. Sono stati aperti laboratori a Como, Brescia, Vigevano, Genova e implementato quello di Roma. Le difficoltà sono legate all’inserimento in un mondo lavorativo, dove le donne magari non hanno mai lavorato. Va ricostruito tutto il comportamento con lo scopo di un definitivo reinserimento nella società lavorativa e civile. 
 
Link di riferimento: 

QIRIS_logoQIRIS (Qualità Innovazione Ricerca Istruzione Sicurezza) è un’associazione no-profit che ricerca in ambito sanitario e socio assistenziale per sviluppare tecnologie d’assistenza centrate sulla persona basate su hardware e software innovativi. E’ un gruppo di giovani laureati, ricercatori e professionisti che ha deciso di valorizzare competenza, talento e creatività facendo volontariato nella ricerca scientifica. Qiris realizza progetti di ricerca e innovazioni tecnologiche per migliorare la vita di persone in situazioni di svantaggio (diversamente abili, anziani o pazienti ricoverati).

QIRIS, inoltre, ha competenze specifiche nell’innovazione tecnologica e nell’imprenditoria innovativa ed è attiva da anni nella pianificazione di strategie di business per progetti ad alto contenuto di conoscenza. 
Durante il Medimex hanno combinato l’artigianato innovativo applicandolo alla musica. Questa è l’idea di “Makers for music”, ovvero creare nuovi oggetti e strumenti innovativi per performance musicali. Un esempio sono air drumstick ovvero delle bacchette che permettono di suonare la batteria senza la batteria stessa. E poi la stampante 3D con cui hanno stampato dei plettri e altri oggetti. Per ulteriori informazioni, ecco i link di riferimento:

 

http://gadget.wired.it/news/accessori/2013/11/22/dbglove-378592.html


LO SPECIALE MEDIMEX continua:
Il video interattivo
La rassega stampa

 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...