Le ombre di Herbert Baglione nell’ex manicomio di Colorno

 
Pareti screpolate e vecchie sedie a rotelle abbandonate lungo corridoi. Così si è presentato il vecchio ospedale psichiatrico di Colorno, vicino Parma agli occhi di Herbert Baglione, street artist brasiliano. Un luogo apparentemente vuoto, ma denso di inquietudine e di memorie, di ricordi e di storie di chi costretto, in questo manicomio, ha passato la propria vita. Il progetto si intitola «1000 Shadows» ed è proprio da quelle sedie che ombre magre e armoniose come spettri eterei si slanciano attorno a ciò che li circonda. Ora si arrampicano sui muri scrostati, ora si insinuano lungo il pavimento, perdendosi in qualche fessura. 
Nella complessa struttura che ospita l’ospedale dal 1873, quando la provincia di Parma fu colpita da una epidemia, si aggirano macchie fragili, ma allo stesso tempo indelebili, quasi a non voler cancellare quel passato che esse riecheggiano. Sono i lamenti dei degenti che nelle celle o lungo i corridoi hanno vissuto e hanno urlato paure, soprusi e follie. In condizioni pessime, trascinati con la forza in un luogo che era più un ghetto di segregazione per togliere dalle strade figure scomode alla società.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...