27.000 pugni per la libertà di Nelson Mandela


Ventisettemila pugni. Non uno di meno. Numero non casuale, ma che ricorda i 27 anni di prigionia di Nelson Mandela, oppositore dell’apartheid in Sud Africa. Gesto non casuale perché il pungo alzato al cielo con il volto che guarda in basso è quello che mostrarono al mondo intero Carlos e Smith durante le Olimpiadi del 1968. Ventisettemila pugni per dipingere il viso di Madiba con un carattere cinese che significa «libertà». L’autore dell’opera è l’artista belga Phil Akashi. 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...