Brian Clough. Giorno trentacinque. Sempre più maledetto Leeds United

 

Cammino lungo il corridoio. Le fotografie alle pareti. I trofei nelle bacheche. Lungo il corridoio e dietro l’angolo. Dietro l’angolo fino ai piedi delle scale. Poi su per le scale finché là sulle scale ecco Syd; Syd che dice qualcosa che somiglia a: «Ieri sulle scale ho incontrato un uomo che non era là. Non era là anche oggi. Vorrei che quell’uomo se ne andasse»
«Pardon?» faccio io.
Syd si ferma in fondo alle scale. Syd si volta per guardare in su verso di me e Syd dice: «Da queste parti si dice che se incroci qualcuno sulle scale la cosa sfocerà in un litigio o in un addio, e che quella persona non la si incontrerà più in paradiso».
«Non ti preoccupare» gli dico. «Non pensavo che ti avrei rivisto comunque lassù, Syd»
«E io che pensavo che lei non credessi in Dio e nel paradiso»
«Dopo essere stato qui trentaquattro giorni» gli dico «ho cambiato idea, Sydney»
«E perché?» sorride lui.
«Bè, se esiste un inferno come questo posto, allora da qualche parte deve esistere un paradiso»
Adesso Syd ride. Ride proprio. 

 

bria
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...