Stop al razzismo….ma diciamolo sottovoce eh!

BUSTO ARSIZIO – Veggente. E’ quello che ho pensato di Gianni Mura dopo  quanto è accaduto nell’amichevole di inizio anno tra Pro Patria e Milan. Veggente ed anche un po’ profetico, forse non sorprendente per chi, come lui, mastica il mondo da anni ed inghiottisce palloni di varie forme da lustri. Lo scorso 30 dicembre leggevo un suo articolo sulla Repubblica, un vademecum di fine anno che collezionava in ordine alfabetico i 100 nomi del 2012. Alla lettera “O” il solo nome di Omolade Akeem, di velata e nebbiosa riminiscenza, che sembrava messo lì solo per riempire la casella altrimenti vuota: all’attaccante nigeriano che attualmente milita tra le file del Ribera, in Serie D (giusto per ricollocarci nel 2012), è legato un episodio risalente al Maggio 2001, certamente non attuale, quando i tifosi della sua squadra, il Treviso, si schierarono contro il suo ingresso in campo, tirando via gli striscioni, per poi nobilitare sempre più la loro decisione con un climax di cori razzisti culminati con l’uscita anticipata dallo stadio. Brutto, inqualificabile, ma come diceva De André “dal letame nascono i fiori” e la settimana dopo tutti i giocatori del Treviso, allenatore e panchinari inclusi, solcarono il terreno di gioco con i visi dipinti di nero. Il primo vero schiaffo al razzismo: non parole sibilline, loro ci hanno messo la faccia!

I giocatori del Treviso pro Omolade

E ieri la faccia ce l’ha messa Boateng e non meno di lui Massimo Ambrosini. Il pallone scagliato è l’istinto di chi non ne può più, l’alzarsi dalla panchina per condurre Muntari, Niang e tutta la sua squadra, da capitano, negli spogliatoi è l’epifania dell’anno nuovo che può essere di svolta. “Finalmente!” come ha affermato Cesare Prandelli.

Non bisogna indietreggiare di un passo, non lasciare il fianco al nemico, ma il timore che questo gesto resti un urlo afono, s’insidia a causa di tutto ciò che lo circonda. Perché non c’è peggior sconfitta nel sentirsi isolato ed emarginato anche da chi ti dovrebbe dire semplicemente “hai fatto bene”, magari confortandoti con una pacca sulla spalla. Invece no, la terza legge della dinamica asserisce che ad “ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria”, così, come troppo spesso avviene in questi casi, figure più o meno tirate in ballo diventano improvvisamente come l’Ulisse che nel passo delle sirene si fa tappare le orecchie. 
Gigi Farili, sindaco di Busto Arsizio

Gigi Farioli, sindaco di Busto Arsizio, che era allo stadio “Speroni”, ha commentato a caldo: “Ero accanto a Braida e non ho sentito nulla, mi hanno detto che dall’altra parte dello stadio ci sono stati dei buu verso Muntari e Boateng e l’arbitro ai primi segnali doveva fermare il gioco, chiamare i capitani e avvisare tramite lo speaker che al buu successivo la partita sarebbe stata sospesa definitivamente. Però i campioni dovrebbero avere il buon senso e lo sport deve sconfiggere il razzismo. E’ colpa soprattutto di quattro deficienti, magari anche di quattro professionisti che non hanno saputo fare il loro lavoro, intendo l’arbitro, che avrebbe dovuto sospendere la partita, e alcuni giocatori. Boateng ha sbagliato, un professionista non deve comportarsi così, tirare un pallone a 200 km all’ora su un tifoso è una reazione impropria. A lui va la mia solidarietà umana, ma mi chiedo: se questo fosse successo in un Milan-Sampdoria la società rossonera non avrebbe sanzionato Boateng? È stato come un fallo di reazione”. Un proclamo futurista per quanto è stato abile nel dire tutto ed il contrario di tutto…della serie: nel dubbio, diamo la colpa a tutti.

Invece, decisamente più convinta (a modo suo schietta, non c’è che dire) è stata la presa di posizione di Marco Reguzzoni, esponente della Lega lombarda, il quale ha affermato: “Boateng ha sbagliato, un professionista strapagato non reagisce così, ha perso i nervi comportandosi come una mammoletta, oltretutto di fronte a cori da stadio, magari offensivi ma non razzisti. Doveva evitare la sceneggiata da bambino viziato” aggiungendo: “Ho parlato con persone che erano allo stadio e mi hanno detto che non c’erano insulti razzisti ma degli sfottò verso la fidanzata del calciatore. Cose che succedono ogni domenica in tanti stadi. Busto è una città che non merita certe etichette, qui non ci sono razzisti. Se qualcuno tra il pubblico ha sbagliato che paghi. Ma non si può penalizzare tanta gente che va allo stadio per seguire uno sport amato”

Ma alle volte, le parole possono essere anche superflue: il pubblico di Busto non ha bisogno di un portavoce, così, con quei applausi rivolti ai giocatori mentre uscivano dal terreno di gioco, hanno voluto scandire, a modo loro, quel “avete fatto bene” che da altri esponenti non è arrivato. 
Ma si sa, non esiste peggior sordo di chi non vuol sentire…
Questo articolo lo puoi trovare anche su:
– www.lagazzettameridionale.com
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...