Se i muri potessero parlare

Bernauer Straße è una via storica a Berlino; qui sono successe tante cose ed è tutt’oggi un “pegno dantesco” perché ha le stimmate del muro, abbattuto il 9 novembre 1989, ancora visibili. E’ qui che sorgeva la “Todesstreifen”, la striscia della morte, oggi solamente rievocata, lungo la strada, da un recinzione di ferro ricostruita nel […]

Read more "Se i muri potessero parlare"

Olimpiadi Rio2016, il globo unito nel volto degli indigeni: il gigantesco murales di Eduardo Kobra

Con una maestosa cerimonia inaugurale, venerdì 5 agosto, allo stadio Maracanã di Rio de Janeiro, è stato acceso il braciere olimpico, aprendo ufficialmente la XXXI edizione dei Giochi olimpici. Il Brasile è il primo paese sudamericano a ospitare le Olimpiadi e Rio è la terza città latinoamericana dopo Città del Messico nel 1968 e Montreal, […]

Read more "Olimpiadi Rio2016, il globo unito nel volto degli indigeni: il gigantesco murales di Eduardo Kobra"

Sui palazzi del terremoto dell’Aquila, la street art lascia un messaggio: noi esitiamo

A Paganica le cicatrici del terremoto pulsano ancora. Anche la frazione dell’Aquila si è inginocchiata, sconvolta dalla ferocia del terremoto dell’aprile 2009 che portò alla morte di 309 persone, circa 1600 feriti e più di 80mila sfollati. Edifici crollati, vite spezzate tra calcinacci e travi di chiese, abitazioni secolari, messaggi di cordoglio, la tenacia di […]

Read more "Sui palazzi del terremoto dell’Aquila, la street art lascia un messaggio: noi esitiamo"

Street art e Ikea assieme: quando la vernice fa bene al nostro pianeta

Quando le multinazionali o grandi società si approcciano alla street art, l’inghippo è sempre dietro l’angolo: pubblicità o mero marketing perché l’idea di cavalcare l’onda mediatica e attrattiva dell’arte urbana per favorire un ritorno d’immagine e quindi anche economico, fa gola. Ikea, colosso svedese nel settore del mobilificio e dell’arredamento, che l’anno passato aveva chiesto […]

Read more "Street art e Ikea assieme: quando la vernice fa bene al nostro pianeta"

La storia del campo profughi palestinese nei graffi di Pejac

Lo street artist spagnolo Pejac è stato in Medio Oriente, precisamente ad Al-Hussein, un campo profughi palestinese ad Amman, in Giordania, dove ha lasciato il suo “graffio” tra le pareti scrostate dei palazzi. Sorto nel 1948, al termine della guerra arabo-israeliana, il campo ha fornito riparo ai palestinesi fuggiti o espulsi durante l’esodo. A quasi 70 […]

Read more "La storia del campo profughi palestinese nei graffi di Pejac"